Shongololo Express, treno turistico del Sudafrica

di

Dal finestrino del Shongololo Express, il Sudafrica è come un film: infiniti spazi vuoti che scorrono in questo schermo trasparente e regalano magia. È così sin dal 1995 quando il primo treno, di proprietà Rovos Rail, partì dalla stazione di Pretoria. E da allora il viaggio continua.

Continua su questo convoglio speciale ed elegante che ha il nome Zulu del grande millepiedi marrone. E che come lui si muove sinuoso mentre attraversa le pianure dell’Africa del sud regalando ai passeggeri un vero e proprio safari su rotaia per 12 giorni.

Dopo essere partito dalla Stazione di Rovos Rail a Pretoria, il Shongololo Express viaggia attraverso panorami unici, tra le miniere d’oro di Witwatersrand e un lago poco profondo su cui si riflettono stormi di fenicotteri, per poi arrivare nella città di Kimberly.

Qui è possibile scendere, e fare il tour guidato per scoprire il Museo di diamanti e la miniera a cielo aperto chiamata “Big Hole” – la più grande di diamanti che sia mai stata realizzata dall’essere umano.

Poi si torna a bordo del Shongololo Express, e si parte alla volta di Upington – città sorta sulle sponde del fiume Orange. Anche in questo caso si può fare una visita ai siti storici come il Donkey Memorial, che onora la vita e il prezioso lavoro dell’asino, attraverso la ferrovia sull’Orange River.

Una volta attraversato il confine, lil convoglio porta i suoi ospiti a scoprire il grande spettacolo del Fish River Canyon – uno spettacolo unico e, per grandezza, secondo solo al Grand Canyon in Arizona.

Mentre dal finestrino i giorni sfilano via come le bellezze del Sudafrica, il Shongololo Express arriva – dopo colazione – alla città fantasma di Kolmanskop, nel deserto del Namib e poi alla città di Luderitz, famosa per i musei, l’architettura coloniale e per la particolare fauna selvaggia, tra pinguini, foche, fenicotteri e struzzi.

Poi il treno si rimette in viaggio per il sesto giorno verso Keetmanshoop. Lì i passeggeri possono visitare il Garas Park e il Quiver Tree Forest dove ci sono un gran numero di specie vegetali diverse da immortalare per gli appassionati.

Il settimo giorno del viaggio si scende dal Shongololo Express e si pernotta nel lodge di Sossusvlei nel Namib-Naukluft Park. Qui ci si rilassa e si riposo dopo aver visitato la meraviglia del Sesriem Canyon.

L’ottavo giorno dell’itinerario è invece al viaggio. All’interno delle cabine del convoglio si gode del suggestivo panorama offerto dal Great Escarpment – un pendio formatasi più di ottanta milioni di anni fa.

Il nono giorno di viaggio è in programma una visita alla città di Windhoek, mentre quello successivo gli ospiti possono scoprire l’Etosha National Park grazie a un safari emozionante durante cui si scopre la maestosa fauna del luogo.

Dopo una notte di pernottamento e la colazione all’interno della loggia non lontana dal parco nazionale, il Shongololo Express riparte attraversando le dune della Namibia per arrivare il dodicesimo e ultimo giorno alla stazione di Walvis Bay.

I commenti all'articolo "Shongololo Express, treno turistico del Sudafrica"

Scrivi il tuo commento tramite

Loading Facebook Comments ...
Loading Disqus Comments ...